on 05 Set 2019 11:21 PM

La barca Melagodo del Circolo della vela Erix di Lerici è arrivata quinta in assoluto ma è stata la più premiata nella regata Palermo-Montecarlo. Una competizione di livello internazionale, con 56 scafi alla partenza in rappresentanza di 11 Paesi. La piccola imbarcazione, un First 34,7 dei cantieri Benetteau, ha stupito tutti e al cancello di Porto Cervo è arrivata prima assoluta guadagnando nel complesso 4 "salite sul palco". A bordo lo skipper Massimiliano Mencacci, che per gli sforzi si è danneggiato una spalla, Francesco Musetti, Gino Bargellini e Alessio Petrucci. Il risultato di Melagodo, ormeggiata durante l'anno al pontile dell'Erix, è stato straordinario e a Montecarlo c'era la fila di appassionati velisti per vedere la barca e capire come diavolo ha fatto a battere colossi come il maxi Adelasia di Torres (ex Pendragon) con ambizioni di Coppa America e moltissime altre imbarcazioni di Classe A, cioè di gran lunga più grandi con equipaggi da 10-14 velisti quasi tutti professionisti. Mencacci la spiega così: "Abbiamo azzeccato la rotta seguendo il tragitto più diretto mentre la maggior parte hanno puntato verso terra sperando di trovare vento, invece vento ce n'è stato pochissimo e la nostra piccola e leggera si muoveva quando le altre erano ferme". Vicino a Montecarlo Melagodo era addirittura in testa ma a poche miglia dal traguardo un sostenuto maestrale ha premiato le barche più invelate, facendo sfumare per un "soffio" il colpaccio del secolo. Tecnicamente le coppe sono quattro: primo overall IOrci e Irc al gate Porto Cervo, primo Ircb e OrciB a Montecarlo. BRAVI RAGAZZI, AVANTI COSI'