on 19 Lug 2021 2:23 PM

Lerici, 17-18 luglio 2021 - articolo di Attilio Cozzani

Un anno d’oro per i Magnifici 4 del Team Pekoranera culminato con la vittoria del Campionato Italiano Match Race Meteor nelle acque di Lerici.

Onore e gloria per Alessandro Giumelli, Paolo Nocentini, Cesare Boldrini e naturalmente Davide Sampiero.

Un anno iniziato bene con la vittoria del “Trofeo del Timoniere” per proseguire con quella del 48° Campionato Nazionale di Classe a Talamone e per finire con quest’ultima, ancor più prestigiosa perché conquistata nelle acque di casa con un finale al fulmicotone contro il figlio Matteo.

Ma veniamo alla cronaca. Otto gli equipaggi al via in rappresentanza delle flotte italiane di Roma, Caldonazzo (2), Torre del Greco, Lario e Trasimeno, con la flotta Golfo dei Poeti che schierava due equipaggi essendo lo sfidante Pekoranera iscritto di diritto come difensore del titolo 2020.

Briefing sulla terrazza dell’Erix alla presenza dell’Assessore Claudia Gianstefani e del Sindaco di Lerici Leonardo Paoletti che ha ringraziato tutti gli equipaggi scusandosi per la logistica (parcheggi) di una Lerici che a metà luglio è fortunatamente al top della stagione estiva.

Intanto la prima giornata si presentava male con il Golfo coperto da una cappa di nuvole che non permettevano l’ingresso della classica termica del canale di Porto Venere. Intelligenza a terra in attesa del vento.
Dopo un'ora si va in acqua e dopo alcune prove a centro golfo con un levantino, il Comitato si sposta verso sud per trovare un minimo di brezza per consentire lo svolgimento di altri voli. Sono le 18.30 quando il Comitato manda tutti a terra.

A rallegrare la giornata, la serata in terrazza con un'apericena offerto dal sodalizio lericino che termina con una gradita degustazione delle ostriche spezzine e con una termica da terra che farebbe voglia di uscire a ‘matchare’ in notturna.

La domenica è ancora tutto da giocare con il meteo che si presenta del tutto simile al sabato. Un paio di voli con un incerto levante, una pausa di circa un’ora, e poi, quando tutti iniziamo a dubitare del prosieguo della giornata, finalmente, entra la classica termica. Punte di 16/17 nodi permettono al Comitato (Riccardo Incerti, Alessandra Virdis, Mario Forgione e Manuela Micheli) di disputare tutti i voli previsti così da per poter stilare una classifica provvisoria con le quattro imbarcazioni che si dovranno sfidare nelle semifinali.

Nemmeno a dirlo, la classifica provvisoria vede in testa Pekoranera che ha così il privilegio di scegliere lo sfidante tra i due equipaggi di Caldonazzo (Andrea Piazza, Marco Pisetta, Ilaria Maraner e Andrea Ravanelli, Alessandro Ferrara, Osti Liviana) e l’altro equipaggio di casa capitanato da Matteo Sampiero con Andrea Onnis centrale e Andrea Nocentini a prua.

Pekoranera sceglie l’equipaggio di Piazza lasciando il più agguerrito Ravanelli al figlio Matteo che aveva già assaggiato la competitività degli avversari con la sconfitta nelle batterie.

N.d.r.: Da questa scelta appare chiaro che i papà non vogliono affrontare i figli in finale! Sai mai che questi ragazzi possano intaccare l’autorità paterna.

Pronti… attenti… via e guerra sia! Due semifinali agguerrite che vedono la vittoria netta di papà Davide e quella più sofferta di Matteo contro i due temibili avversari di Caldonazzo… cosa dire… The Sampiero’s are in the final!

Senza perder tempo il Comitato decide di disputare subito la finale per il primo e secondo posto in considerazione del fatto che la termica potrebbe iniziare a calare. E ci vede giusto!

Se le danno di santa ragione, senza remore, senza freni, come se in palio ci fosse un titolo tricolore. Da una parte l’esperienza dei tre ‘vecchi saggi che ne hanno viste di cotte e di crude, dall’altra parte l’irruenza e l’inesperienza dei giovani rampanti del Basilico Sailing Team che non avevano immaginato di trovarsi lì a giocarsi il titolo.

La prima prova vola via con lo strapotere dei ‘vecchi’ che infliggono una sconfitta con distacco ai ‘giovani’.

Ma giusto il tempo di ricaricarsi e via per la seconda prova. I giovani sembrano aver preso le misure e prendono subito il comando delle operazioni. Vincono la partenza ed alla boa di bolina girano primi tallonati a meno di due lunghezze dalla Pekora che innesca il turbo mettendogli pressione per tutta la poppa. Alla fine del lato sono a venti centimetri dal loro timone, al limite del contatto.

Matteo gira bene ma si allarga di poco dalla boa, quel tanto che basta al papà per infilarsi. Davide, nonostante un piccolo errore dei suoi prodi in ammainata, riesce, con un colpo da maestro (al limite del regolamento) ad infilarsi tra la poppa di Basilico e la boa, costringendo i 4 umpire ad un veloce consulto per verificare la correttezza della manovra. Bandiera verde, tutto ok! Il verdetto degli umpire.

Sembra fatta per Pekornera, che prende momentaneamente il comando delle operazioni navigando sul bordo buono… ma non è finita qui. I giovani leoni riescono ancora una volta ad incrociare di bolina davanti a Pekoranera costringendola ad una manovra che costa una penalità a quest’ultima. Si ribalta ancora una volta la situazione… ora sembra tutto facile per Basilico.

Ma si sa, l’emozione gioca brutti scherzi. Matteo & C. possono gestire questo vantaggio (Pekoranera, per togliersi la penalità, deve eseguire un giro su sé stesso di 270° prima di tagliare il traguardo e questo gli potrebbe costare secondi preziosi) mentre a Basilico basta mantenere lo svantaggio acquisito nell’incrocio costato la penalità a Pekoranera.

Ma non è così… nell’impoppata finale, i Basilico’s perdono quei due e dico due metri che li separano da Pekoranera per vincere e portarsi in pareggio.

Ma non è solo sfortuna la loro, dall’altra parte Sandro, Paolo e Davide dopo aver preso la penalità non sbagliano un colpo. Issata di spinnaker perfetta, poppa alla massima velocità e penalità a due metri dall’arrivo eseguita alla perfezione, Vittoria del Match e del Campionato Italiano!

Onore ai vinti ed ai vincitori! Sandro, Paolo e Davide uber alles!

La festa finisce in banchina con le interviste di rito e sulla terrazza del Circolo della Vela ERIX dove, insieme all'onnipresente consigliere e segretario del CdV Erix, Armando Nocchi, tra la soddisfazione di tutti, i vincitori ricevono il prestigioso Trofeo con una premiazione ‘covid free’ e una bicchierata finale con l’augurio di ritrovarsi il prossimo anno a… Lerici? (parcheggi permettendo)

P.S. ; Note dell’organizzazione

Un ringraziamento particolare ai 4 Umpire della Iª zona che hanno arbitrato con correttezza e professionalità i match in programma: Enrico Pilla (Capo arbrito), Claudio Uras, Roberto Goinavi e Francesco Tanda.
Un ringraziamento personale per aver tollerato le mie scorribande col gommone per le dirette e per permettere alle fotografe, Antonella Panella e Irene Rossini di immortalare tutti i partecipanti da vicino vicino!

I complimenti al Team di Torre del Greco che, sotto la sapiente guida di Peppe Caiazzo, ha affrontato queste regate con sportività e talento. Li attendiamo alle prossime regate dove, siamo sicuri, tireranno sicuramente fuori anche a' cazzimma che c'è in loro!

P.P.S. ; Note del Direttore Sportivo del C.d.V.Erix alias Davide Sampiero
Un complimento particolare ad Attilio Cozzani (che ringrazia) per il contributo e l'impegno profusi per l'organizzazione dell'evento.

 

I link ai video in diretta in ordine cronolico inverso:

L'intervista post regata

Il secondo match della FINALE!

Le semifinali Lerici - Caldonazzo (secondo match)

Le semifinali Lerici - Caldonazzo (primo match)

Le sportellate nei match di qualifica tra Mateo Sampiero e Andrea Ravanelli
 

altri video sulla pagina Facebook della Classe Meteor